Fotografia di paesaggio. Da dove cominciare. La composizione.

Fotografia di paesaggio. Da dove cominciare. La composizione.

RS Photography > Blog > Corso Base > Fotografia di paesaggio. Da dove cominciare. La composizione.

Fotografia di paesaggio. Da dove cominciare. La composizione.

https://www.rsphotography.it/2019/05/26/fotografia-di-paesaggio-da-dove-cominciare/

Le fotografie di paesaggio sono un genere fotografico che spesso si crede molto facile, ma non sempre è così. Infatti a tutti è capitato di avere davanti a sé uno scorcio da cartolina e, cercando di immortalarlo, avere dei risultati non in linea con quanto si vede.

Questo succede perché, di solito, durante una gita o in vacanza, non si ha con sé la reflex o una digitale con gli accessori necessari e si scatta con lo smartphone; con quest’ultimo  a volte si ha l’impressione di avere in mano un’opera d’arte ma, analizzando la foto con un qualsiasi programma fotografico o volendo stampare l’immagine, i limiti diventano subito evidenti. Quando parleremo della  Iphoneography si analizzeranno tutti gli aspetti di questo mezzo fotografico cercando di sfruttarne gli aspetti positivi.

Premetto comunque che, in linea generale, ogni tentativo di categorizzare i generi è un esercizio che limita la creatività e sarebbe quindi da evitare a priori ma, da qualche parte necessita partire e non ci si sbaglia se si parte dal presupposto che ogni paesaggio ha le sue caratteristiche da saper valutare  e che, in linea di massima, sono da sfruttare alcuni aspetti della composizione non tralasciando l’aspetto tecnico.

Il primo punto da valutare è il fatto se la fotografia di paesaggio sia a colori, pensiamo ad esempio a Franco Fontana oppure agli innumerevoli esempi di cieli e tramonti/albe con colori molto saturi.  Questa affermazione è  vera, ma è vero anche esattamente il contrario !! Pensate ad esempio alle fotografie  di Sebastião Salgado oppure a quelle di Ansel Adams alle montagne del Yosemite  National Park. in genere  il colore necessita quando si vuole esaltare un aspetto come  le stagioni o i colori del riflesso dell’acqua, i tramonti ecc. mentre il B&N è più indicato quando si vuole esaltare la maestosità delle montagne, la neve e in tutti i casi in cui non vi è un elevato contrasto nei colori della scena.

 

 

Un’altro aspetto molto importante da prendere in considerazione è la composizione. In linea generale sono sempre da ricercare delle figure geometriche oppure delle linee di fuga, creare una tridimensionalità inserendo oggetti su più piani, dare un “peso” ai vari soggetti presenti nell’immagine che devono, in linea di massima, essere sempre ben a fuoco e incisi come in piena luce.

Da non sottovalutare è l’emozione che si vuole veicolare. Non importa che sia esplicito o importante e speciale, ma ci deve sempre essere.

Ultimo punto è l’attrezzatura che necessita e le accortezze da non sottovalutare. Non sempre è possibile ma la reflex con una alta risoluzione sarebbe l’ideale come un obiettivo macro di media lunghezza focale  tenuto con il diaframma chiuso per avere una elevata profondità di campo.Il cavalletto inoltre non dovrebbe mai mancare e naturalmente poi necessita scattare in Raw ed evitare situazioni, specialmente in montagna, con un contrasto troppo elevato fra le parti in ombra e in piena luce ( per esempio il cielo e il fondo valle ). Quando si parlerà di attrezzatura le varie caratteristiche saranno più chiare.

Nelle fotografie vi sono alcuni esempi di quanto spiegato a parole. La montagna è in B&N in quanto il colore non avrebbe aggiunto nulla ma avrebbe solo confuso la composizione che, con le nuvolette messe a corona, ha  una notevole tridimensionalità e un ottimo dettaglio, l’emozione è legata all’inverno ed alla maestosità della montagna. La fotografia della spiaggia ha in primo piano le rocce in riva al mare e come sfondo il mare e l’isola di Tavolara, il colore in questo caso esalta la trasparenza del mare e le emozioni dell’estate, il medioquadrangolare esalta la via di fuga. I colori dell’autunno sono un classico ma la casetta da un senso di intimità e tranquillità ed è su un piano diverso rispetto al pino in primo piano ed allo sfondo. La posizione in basso con il taglio in verticale da un senso ulteriore di stabilità e sicurezza. Da notare che tutte le fotografie sono dettagliate e senza parti sfuocate, esattamente il contrario della fotografia di beauty.

Riassumendo, se volete fare fotografia di paesaggio, dovete curare la composizione e scattare in raw.

RS

Fotografare gli eventi. Cosa è necessario fare.

Fotografia di matrimonio. Cosa rende le fotografie speciali.

 

Posted By

Roberto Sozzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *